Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

L' Altavaldera è cardioprotetta- iNCONTRO VENERDì 10 MARZO 2017 ORE 21.30 TEATRO COMUNALE DI LAJATICO

L' Altavaldera è cardioprotetta- iNCONTRO VENERDì 10 MARZO 2017 ORE 21.30 TEATRO COMUNALE DI LAJATICO

10-03-2017   

IL SINDACO DEL COMUNE DI LAJATICO VI INVITA A PARTECIPARE ALLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO DI CARDIOPROTEZIONE DEL TERRITORIO VENERDI' 10 MARZO ALLE ORE 21.30 C/O IL TEATRO COMUNALE DI LAJATICO

30 DEFIBRILLATORI DISTRIBUITI NEI 4 COMUNI DEL PARCO PER IL PROGETTO DI CARDIOPROTEZIONE DEL TERRITORIO SI ATTIVA COSÌ LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA

Il progetto e i soggetti coinvolti - Belvedere S.p.A. e la Fondazione Peccioliper, sempre attenteallo sviluppo e alla cura del proprio territorio di riferimento, hanno affiancato i 4 Comuni delParco Alta Valdera nella realizzazione di un importante progetto di cardioprotezione del territorioche prevede l’installazione di un primo lotto di 26 defibrillatori in altrettante postazioni ad accessopubblico, dislocate in tutti i piccoli borghi delle varie frazioni. Su un territorio così vasto è indispensabileadottare un sistema di tele controllo per monitorare quotidianamente lo stato di efficienzadei defibrillatori, quindi ogni macchina è in grado di eseguire un auto test di funzionamentoed è installata in una postazione che comunica in tempo reale con una piattaforma web accessibilesia dal personale di Belvedere che da quello dei Comuni. Insieme al tele controllo è stato anche concordato un programma decennale di manutenzioneper garantire nel tempo l’efficienza delle macchine. È stata selezionata come partner tecnologico lasocietà Cardiac Science, leader a livello mondiale nel mercato dei defibrillatori, che ha fornito isuoi Powerheart G5 e la piattaforma per il tele controllo.

Il coinvolgimento di tutti - Per migliorare sul territorio la sensibilità, la reattività e la capacità difronteggiare l’emergenza sono fondamentali informazione, formazione e partecipazione; ecco perchéil progetto comprende la consegna di un libretto informativo a tutte le famiglie del Parco, lageolocalizzazione dei defibrillatori sul sito www.cuorealtavaldera.it (realizzato da Belvedere, anchein versione mobile) e l’organizzazione di corsi gratuiti per operatore DAE: si tratta di corsi di 4ore durante i quali chiunque può imparare le manovre manovre di Rianimazione Cardio Polmonare(RCP) e prendere confidenza con l’uso del DAE. Per informazioni e iscrizioni: info@cuorealtavaldera.it o 0587 672072. Sono previste anche alcune serate informative aperte alla cittadinanza:si comincia il 10 Marzo a Lajatico, poi sarà la volta di Chianni il 14 Marzo. I corsi gratuiti si terranno il 25 Marzo e il primo Aprile.

Una questione di vita o di morte - L’Arresto Cardiaco Improvviso colpisce ogni anno 1 persona su1.000 e se non viene immediatamente trattato in maniera adeguata ha come conseguenza danni irreversibilial cervello dopo i primi 5 minuti e la morte clinica dopo 10 minuti. Spesso la causa è la fibrillazione:per una aritmia improvvisa i muscoli cardiaci cercano di effettuare le contrazioni ad un ritmo cosìaccelerato che di fatto non c’è il tempo per il ciclo contrazioni-dilatazioni e il sangue smette di circolare. Sitratta di un rischio che riguarda tutti, indipendentemente dallo stato di salute e dallo stile di vita, ed è perquesto che i Comuni del Parco Alta Valdera hanno deciso di impegnarsi in un progetto che metta a disposizionedi tutti l’unico strumento che in questi casi può fare la differenza e salvare una vita: il defibrillatore.

Il Defibrillatore Semi Automatico - Il Defibrillatore (in sigla DAE o AED, Defibrillatore Automatico Esterno) è una macchina che può essere facilmente utilizzata da chiunque perché guida il soccorritore con istruzionivocali e, monitorando con un elettrocardiogramma l’infortunato, decide autonomamente se sia necessaria omeno una scarica elettrica per “resettare” il cuore in fibrillazione.

La catena della sopravvivenza - Il defibrillatore è uno strumento utile e insostituibile ma da solo non basta,perché il fattore più importante in caso di emergenza è quello umano: sono le persone che assistono all’infortunioche devono rendersi subito conto di cosa sta succedendo, allertare il 118, procedere immediatamente con le manovre RCP per mantenere ossigenato il sangue il più a lungo possibile, nonché prelevare eutilizzare il defibrillatore nell’attesa dell’arrivo del personale sanitario cui competono le cure avanzate.

Allegato Comunicato stampa (4,39 MB)

Tags: -