Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

MOSTRA "NOI, I PERSEGUITATI: LA MEMORIA DEGLI OPPRESSI DAL NAZIFASCIMO"

MOSTRA "NOI, I PERSEGUITATI: LA MEMORIA DEGLI OPPRESSI DAL NAZIFASCIMO"

03-11-2017   

MOSTRA "NOI, I PERSEGUITATI: LA MEMORIA DEGLI OPPRESSI DAL NAZIFASCIMO"

Il Comune di Lajatico è entrato a far parte della Rete Archivistica Pisana ed ospiterà da Venerdì 03 Novembre a Venerdì 17 Novembre 2017 la Mostra documentaria "Noi, i perseguitati" c/o lo Spazio Polivalente di Lajatico.

In questa mostra vengono presentati documenti inediti che riguardano le varie persecuzioni che, nel quadro già devastante della guerra, andarono ad aggiungere disperazione alla vita di milioni di persone: si tratta di persecuzioni razziali (contro gli ebrei, gli zingari ed altre etnie “diverse”), persecuzioni politiche (contro i socialisti, i cattolici, i comunisti), persecuzioni verso i nemici (i militari che furono deportati dai tedeschi in Germania, o dagli alleati in altre parti del mondo). Non tutte queste persecuzioni ebbero gli esiti agghiaccianti dei campi di sterminio, ma tutte furono comunque un affronto alla libertà dei singoli, e spesso si nutrirono della complicità silenziosa della moltitudine, che si voltò dall’altra parte per non vedere ed essere coinvolta, facilitando in tal modo l’attuazione di un crimine che ancora adesso, a 80 anni dal suo inizio, desta orrore e sdegno. Ma ciò che rende attuale questa mostra è il fatto che tutto quello che viene qui presentato come consegnato alla Storia dell’Occidente, è oramai la quotidianità per milioni di persone che hanno la sola colpa di vivere in Paesi dove si stanno riproponendo gli stessi orrori che insanguinarono l’Europa di 80 anni fa. Ed anche nel nostro Paese, che ritenevamo immune ai semi dell’odio razziale, in una base sempre più ampia di persone, stanno tornando preoccupanti tendenze alla discriminazione ed all’odio rivolte a persone di etnia e religione diversa. Diciamo questo con la triste consapevolezza che, ancora una volta, gli oppressi esistono anche oggi, come e più di ieri...

Allegato pieghevole (1,21 MB)

Tags: -